lunedì 29 giugno 2015

Mistero a Villa del Lieto Tramonto di Minna Lindgren

Dunque, Mistero a Villa del Lieto Tramonto, scritto da Minna Lindgren e edito... beh, tra tre giorni perché l'ho letto in anteprima, (sentiti ringraziamenti alla Sonzogno che me l'ha inviato) e tradotto da Irene Sorrentino. Tra parentesi, non cesserò mai di ripetere quanto mi sia gradito il restyling grafico delle copertine Sonzogno. È un atto dovuto.
Parto col dire che non sono del tutto convinta che questo libro sia etichettabile come un giallo. Voglio dire, ci sono dei morti e ci sono dei crimini, in un certo senso, ma i collegamenti sono labili, l'atmosfera manca di tensione, non ci sono esaltanti colpi di scena a concludere i capitoli e a far presagire chissà quale machiavellica soluzione. Più che un giallo, mi pare associabile al filone partito dal successo di Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve di Jonas Jonasson, visti i toni leggeri e i personaggi principali ultra-novantenni. E tuttavia, si distanzia pure da questo particolare filone dedicato a protagonisti anziani che decidono da un momento all'altro di stravolgere la propria vita e si riscoprono persone complete e capaci, una volta che si sono liberati della gabbia di semolino e pannolone che la vecchiaia aveva loro imposto. Si distanzia da questo filone perché i tre personaggi principali, Siiri, Anna-Liisa e Irma, rimangono aggrappate alla loro routine nella casa di riposo. Indagano, per quello che possono, si pongono domande, cercano di vivere il più spensieratamente e allegramente possibile, ma non decidono da un momento all'altro di mollare tutto per balzare su un aereo che le condurrà ai Caraibi. Il sottofondo di indagine e mistero, dopotutto, non pasticcerà con le loro vite più di un certo “quanto basta”, fatta eccezione per i momenti in cui l'azione è diretta. E non posso essere più specifica senza fare orrendi spoiler.
Dunque, la trama. In una casa di riposo – che non è proprio una casa di riposo, visto che buona parte degli anziani vive in affitto nel proprio piccolo appartamento – vivono queste tre vecchiette non troppo arzille, la protagonista Siiri, la migliore amica Irma, un'allegrona che beve solo vino e whiskey, e la terza del gruppo, Anna-Liisa, ex-professoressa con lo stigma della pignoleria. Stanno giocando a canasta con un paio di amici, quando vengono a sapere della morte del cuoco preferito di Siiri, Tero, avvenuta pochi giorni prima. Si recheranno al suo funerale, e lì incontreranno un personaggio che onestamente non sono riuscita a capire del tutto, un certo Mika, che le prende in simpatia. E poi c'è la storia di un veterano di guerra residente nella casa di riposo, che viene violentato nei bagni da due infermieri. E la sparizione, poco a poco, di alcuni personaggi. Scrivendo questi elementi tentenno nella mia decisione di non definirlo come un vero e proprio giallo. Eppure persevero, perché i collegamenti sono piuttosto deboli, e il focus non è tanto sulle indagini brancolanti di Siiri, Irma e Anna-Liisa, ma sul legame che intercorre tra loro, sulla bolla di controllo totale in cui sono state relegate dalle loro famiglie, il loro rapporto col mondo al di fuori della casa di riposo. C'è una buona dose di humor nero, bei personaggi, la denuncia della condizione in cui vengono forzati molti anziani, e del modo ridicolo e infantile in cui vengono trattati a prescindere dalle loro capacità mentali. Anche se talvolta ho avuto l'impressione che l'autrice stesse idealizzando la vecchiaia. I suoi personaggi partecipano ai funerali con una leggerezza che troverei inquietante, e guardano in faccia alla morte con una serenità che ritrovo più facilmente sulle persone giovani che non sui volti degli anziani che conosco. Per quel che ho potuto vedere, più la morte è vicina e più la si teme. Ma queste sono opinioni mie.
In sostanza è stata una lettura piacevole e piuttosto divertente, ma non lo considero affatto un giallo. Piuttosto che agli amanti di Agatha Christie, lo consiglierei a chi ha gradito Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve, ecco.

3 commenti:

  1. Forse non è un giallo, ma con la tua recensione mi hai convinta!

    RispondiElimina
  2. Bella recensione, mi hai incuriosita. Prendo nota :)

    RispondiElimina
  3. mi è piaciuta, d'acchito, la copertina, molto ispirata la recensione

    RispondiElimina