giovedì 4 giugno 2015

TOT buoni motivi per adorare Neil Gaiman

Un po' ci sono rimasta male, quando mi sono accorta di non aver mai scritto questo post, ero convinta di averlo pensato e pubblicato anni fa. Voglio dire, adoro Neil Gaiman con fanatica costanza, lo cito continuamente, progetto tatuaggi che inneggiano alle sue opere. Chiunque mi conosca decentemente è a conoscenza della mia Gaimanite acuta. E ora, con inspiegabile ritardo, vorrei cercare di spiegarne le ragioni.


  1. Neil Gaiman non è per tutti. E la cosa non gli crea problemi.
  2. Non giudica i suoi personaggi, e non ti dice cosa dovresti provare per loro. Però sembra capirli tutti, anche quando non fa il tifo per loro.
  3. Non va incontro al lettore presentandogli una realtà fittizia già nota e rassicurante, in cui chiunque può sentirsi a proprio agio grazie a tutti gli elementi conosciuti. Piuttosto, ti accoglie nella sua mente, nei mondi che crea, e fa del suo meglio per mostrarteli come meriti che ti siano presentati. Però non concede altro. In altre parole, non si svende.
  4. Non che ne abbia bisogno, visto che è uno degli scrittori più famosi al mondo. Però è anche qui che si aggancia un altro lato di Neil Gaiman che adoro: il fatto che rimanga una bella persona e che, pur evitando di sminuirsi con false modestie, non se la tiri neanche. Si presta per iniziative benefiche, risponde sui social network, cerca di distruggere il piedistallo su cui verrebbe istintivo metterlo.
  5. Nessuna delle sue storie nega le altre. L'universo di Gaiman è enorme e sfaccettato, e può trovarvi posto tutto ciò di cui scrive.
  6. Il modo in cui rappresenta la magia, senza cercare di spiegarla e di adattarla al pensiero logico. La sua magia esiste e basta. È primordiale, antica, non ha bisogno di rituali. Di quelli, piuttosto, hanno bisogno le persone.
  7. I suoi personaggi antichi si comportano davvero come se fossero antichi. L'immortalità ha forgiato le loro menti.
  8. Tutti i suoi personaggi hanno qualcosa di speciale e fantastico. Dal Marchese di Carabas a Coraline, da Mr. Vandemar e Mr. Croup a Mr. Nancy. Tutti.
  9. Londra di Sotto.
  10. Ha iniziato a scrivere letteratura di genere e a sceneggiare fumetti in un periodo in cui tali pratiche erano considerate bizzarri sprechi di talento, nel migliore dei casi. Eppure continua a sorridere, quando parla di quei tempi.
  11. Ha quella meravigliosa capacità di farti tremolare la realtà sotto i piedi, e per ritrovarti devi chiudere il libro e guardarti intorno per un po'.
  12. Delirio.
  13. È un lettore di quelli seri. Accaniti, entusiasti, con le mani sempre piene di carta.
Sono certa che troverò un sacco di ragioni, non appena avrò pubblicato questo post un po' raffazzonato, ma per adesso non me ne vengono in mente altre, e la tesi mi reclama. Non sto neanche a concludere che consiglio di leggere Gaiman, diamine. Comunque, per chi ancora non avesse deciso con che libro approcciarsi, consiglio Stardust e Nessun dove. E se non piacciono quelli, tirate avanti, che è il punto uno.


7 commenti:

  1. Aggiungo:
    1. E' femminista. Femminista nel modo migliore in cui un uomo può esserlo.
    2. E' una persona che quando ti guarda negli occhi ti fa sentire a casa.
    3. Il suo talento - manifesto - ed il suo universo fantasioso sembrano sempre infiniti.
    4. I suoi personaggi principali - io li chiamo stray sheep (pecorelle sperdute) sanno sempre raccontarti un po' di lui. E un po' di te stessa.
    5. E' capace di raccontare cose trite e ritrite da punti di vista mai nemmeno sfiorati.
    6. Death.
    7. La sua voce. Come te la immagini.
    8. Quando pensi che lui sta scrivendo qualcosa di nuovo, sai che tra poco avrai una figata da leggere.
    9. Le sue collaborazioni sono sempre interessanti.
    10. Quando finisci un suo libro, hai voglia di scrivere anche tu.

    RispondiElimina
  2. Bel post! Devo confessare di non aver letto nulla di questo autore. Corro ai ripari e credo proprio che inizierò con i due libri che hai citato :)

    RispondiElimina
  3. Bel post! Amo molto il Gaiman più adulto (Sandman e American God) alcuni delle opere un po' più "per tutti" degli ultimi tempi mi sembrano riproporre un po' una formula che ha già funzionato alla grande in passato. Ma, per carità, gli perdono tutto. Sopratutto ora che ha ripreso a scrivere Sandman...

    RispondiElimina
  4. Nessun dove. Adoro. Un piccolo gioiello.

    RispondiElimina
  5. La mia ragione, oltre a quelle citate, è questa: il modo in cui parla in questo video, l'accento gentile, i modi affabili, e soprattutto l'ultimo sorriso inquietante.

    https://www.youtube.com/watch?v=vQC0QVXa33o

    RispondiElimina
  6. Sai che ancora non ho trovato il guizzo per leggerlo? Uff, mi devo decidere, ma ultimamente sono una lettrice un po' pigra, prendo strade note e rassicuranti, bisogna che mi smuova!

    RispondiElimina
  7. 13bis: E' un lettore di quelli seri e se cerchi su Internet la sua biblioteca personale l'invidia (di quella buona però) ti sommergerà.

    RispondiElimina